AGGIORNAMENTO – TRASGRESSIONE: Il rischio che gli evangelici diffondano inconsapevolmente i coronavirus ai popoli indigeni isolati: i missionari e la pandemia COVID-19/Cancellazione dell’esistenza nativa – Parte 2

Nel mezzo della pandemia di coronavirus che sta devastando il Brasile, atterrando e decollando dai villaggi nella regione amazzonica di Vale do Javari per contattare ed evangelizzare le comunità indigene in questa regione remota e difficile da raggiungere, i missionari evangelici fondamentalisti non si arrenderanno a nulla. . La regione della valle di Javari ha il maggior numero di popolazioni indigene incontattate al mondo che sono molto sensibili alle malattie causate da quella che consideriamo civiltà.




L’evangelico Andrew Tonkin e il missionario cristiano Wilson Kannenberg di “Rescue Wings”, un’organizzazione missionaria per l’aviazione, qui raffigurati con un nativo senza nome. Immagine di Facebook

Ci sono almeno 100 gruppi indigeni isolati nel bacino amazzonico brasiliano che vivono in armonia tra loro e con il loro ambiente, mantenendo tradizioni e credenze ancestrali come hanno fatto per migliaia di anni.

Più di 500 anni dopo l’arrivo dei primi colonizzatori in Brasile e l’inizio della distruzione di terre e vite indigene, i missionari americani continuano questa pericolosa ossessione. L’idea stessa di conversione religiosa forzata o “salvezza” delle popolazioni indigene è un confronto con queste culture ancestrali e con l’autodeterminazione costituzionalmente garantita delle comunità indigene.

Rapporti di leader indigeni dei popoli Marubo, Mayoruna e Matsé rivelano che un missionario con sede negli Stati Uniti, Andrew Tonkin, si organizzò con altri membri della “Missione di frontiera internazionale” per una spedizione a Igarape Lambança per convertire le comunità indiani incontattati nella valle di Javari.”I missionari hanno acquistato torce e altre attrezzature per cercare di tornare nella valle di Javari. Andrew ha detto di aver già ricevuto il permesso di Dio lassù nei cieli e che non esiste una legge più grande di questa che possa vietarne l’ingresso”, ha detto. un convertito nativo catechizzato che ha partecipato a un incontro con Andrew Tonkin e un altro missionario degli Stati Uniti, Josiash Mcintyre.

Kenampa Marubo, coordinatore generale dell’Unione delle popolazioni indigene di Vale do Javari (Unijava) riferisce di aver ricevuto minacce dai missionari statunitensi. Il 25 marzo Josiash Mcintyre, accompagnato da un giovane convertito di Marubo, invase il quartier generale di Unijava ad Atalaia do Norte. Il suo obiettivo era fare pressione e intimidire gli indigeni che vi lavorano per costringerli a dare loro il permesso ufficiale di entrare nella Vale do Javari, come richiesto dalla Fundação Nacional do Índio (Funai). I missionari hanno già una logistica altamente sviluppata per accedere a comunità isolate; droni, computer, armi da fuoco, GPS e telefoni satellitari. Per raggiungere gruppi isolati a Igarape Lambança, hanno in programma di utilizzare lo stesso idrovolante mono-motore appartenente al missionario Wilson Kannenberg che avevano usato in passato per i loro precedenti tentativi.

foto Andrew Tonkin ed Evangelio (Gospel) dettaglio dal sito web FIM

Il sito web della Frontier International Mission “un ministero battista libero arbitrio” è pieno di argomenti religiosi sentimentali e scritti male e il motto “conoscere sta facendo conoscere”. Afferma che Andrew Tonkin “ha svolto attività missionaria per oltre undici anni nel bacino amazzonico. Il suo compito è quello di fondare chiese indigene e lavoro missionario per la crescita della chiesa”. Altrove sul sito web è la seguente frase troncata: “Prega che i nemici non si facciano prendere dal panico e causino confusione, vincendo a spese di questa preziosa chiesa emergente”.

Tonkin afferma di non essere attualmente in Brasile, ma i leader indigeni affermano che sta mentendo e che, in realtà, si trova a Benjamin Constant, una città vicino ad Atalaia do Norte dove si trovano diversi missionari. Una famiglia di Missione Internazionale di Frontiera proclama sul sito Web: “Il nostro cuore e il nostro obiettivo nel ministero è quello di raggiungere le persone non raggiunte tra le remote popolazioni indigene della Valle Javari … in modo da poter condividere il Vangelo con loro, quindi insegnare loro, addestrarli e addestrarli a portare il Vangelo alla propria gente “. Un anziano indigeno di Marubo rispose: “La nostra preoccupazione è che, nel contesto della pandemia di coronavirus, vi sia ancora l’insistenza sul proselitismo da parte dei gruppi fondamentalisti che lavorano a questo scopo, che è un atteggiamento irresponsabile e criminale”.

L’Amazzonia è stata storicamente invasa da minatori, taglialegna, allevatori e missionari, alcuni dei quali potrebbero ora essere infettati da un coronavirus. Mentre la pandemia si diffonde in Brasile, esiste una reale e terrificante possibilità che le comunità indigene remote e vulnerabili possano essere decimate dalla malattia dopo il contatto con estranei, poiché non hanno resistenza o immunità anche per le comuni malattie occidentali come l’influenza o il morbillo. Un’epidemia di Covid-19 potrebbe essere fatale per gli 850.000 indigeni brasiliani particolarmente sensibili alle malattie respiratorie.

Molte delle comunità indigene più diverse dal punto di vista culturale, come la Kayapo nel bacino del fiume Xingu negli stati di Mato Grosso e Pará, hanno dichiarato un blocco e negano l’accesso a chiunque al di fuori della comunità per impedire la diffusione del virus sparsi tra loro.

Per molti gruppi indigeni nella valle di Javari che hanno scelto di rimanere isolati dal contatto con il mondo esterno, la pratica di qualsiasi forma di “isolamento sociale” è complicata. Il rischio che una persona la diffusione infettiva della malattia a tutti i membri del gruppo è schiacciante in grandi strutture tradizionali con tetto di paglia in cui gli abitanti del villaggio occupano lo stesso spazio vitale. “Porta il Vangelo alla tua stessa gente” potrebbe portare all’annientamento della comunità.

Immagine originale di Gleilson Miranda / Governo do Acre, rielaborata da Barbara Navarro

About Barbara Crane Navarro - Rainforest Art Project

I'm a French artist living near Paris. From 1968 to 1973 I studied at Rhode Island School of Design in Providence, Rhode Island, then at the San Francisco Art Institute in San Francisco, California, for my BFA. My work for many decades has been informed and inspired by time spent with indigenous communities. Various study trips devoted to the exploration of techniques and natural pigments took me originally to the Dogon of Mali, West Africa, and subsequently to Yanomami communities in Venezuela and Brazil. Over many years, during the winters, I studied the techniques of traditional Bogolan painting. Hand woven fabric is dyed with boiled bark from the Wolo tree or crushed leaves from other trees, then painted with mud from the Niger river which oxidizes in contact with the dye. Through the Dogon and the Yanomami, my interest in the multiplicity of techniques and supports for aesthetic expression influenced my artistic practice. The voyages to the Amazon Rainforest have informed several series of paintings created while living among the Yanomami. The support used is roughly woven canvas prepared with acrylic medium then textured with a mixture of sand from the river bank and lava. This supple canvas is then rolled and transported on expeditions into the forest. They are then painted using a mixture of acrylic colors and Achiote and Genipap, the vegetal pigments used by the Yanomami for their ritual body paintings and on practical and shamanic implements. My concern for the ongoing devastation of the Amazon Rainforest has inspired my films and installation projects. Since 2005, I've created a perfomance and film project - Fire Sculpture - to bring urgent attention to Rainforest issues. To protest against the continuing destruction, I've publicly set fire to my totemic sculptures. These burning sculptures symbolize the degradation of nature and the annihilation of indigenous cultures that depend on the forest for their survival.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

2 Responses to AGGIORNAMENTO – TRASGRESSIONE: Il rischio che gli evangelici diffondano inconsapevolmente i coronavirus ai popoli indigeni isolati: i missionari e la pandemia COVID-19/Cancellazione dell’esistenza nativa – Parte 2

  1. czls says:

    Questi rabbiosi missionari evangelici fondamentalisti che intendono contattare popoli indigeni isolati per “convertirli”, così come il presidente brasiliano Bolsonaro che li sta incoraggiando, sono criminali. Ora stanno mettendo le comunità indigene a rischio di contaminazione da coronavirus e, in definitiva, di annientamento.

    Liked by 2 people

  2. Distruggere culture e vite indigene: questo neocolonialismo ipocrita travestito da “opera di Dio” è un crimine contro l’umanità!

    Liked by 2 people

Leave a Reply to anamariarenatamachado Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s